PICASSO A PISA con 270 opere esposte

PICASSO, Ho voluto essere pittore e sono diventato Picasso: 270 opere a Pisa – BLU Palazzo d’arte e cultura (clicca: MAPPA) dal 15 ottobre 2011 al 29 gennaio 2012. PICASSO A PISA – di ANTONELLA BINDI- Sulla sponda dell’Arno, nella suggestiva cornice d’arte e cultura di Palazzo Blu-Fondazione Cassa di Risparmio di Pisa, il 15 ottobre 2011, si è aperto il terzo appuntamento dedicato ai maestri d’arte del Mediterraneo che si concluderà il 29 gennaio 2012. Dopo Chagall e Mirò Pisa ospita le opere del giovane pittore Pablo e percorrendo i corridoi dell’esposizione curata da Claudia Beltramo Ceppi Zevi è possibile vivere, capire e osservare il percorso formativo che attraverso la sperimentazione di più espressioni artistiche lo portarono a diventare il Picasso che tutti noi ammiriamo. In vita trasformando il realismo in sintesi è riuscito a comunicare emozioni fuse a politica, vita privata mista agli eventi storici spagnoli, europei e mondiali e oggi ha dato la possibilità a Pisa di essere polo di arte contemporanea e sintesi di una fruttuosa collaborazione tra importanti musei come il Pompidou di Parigi, il Museo Picasso di Barcellona e il MoMa di New York. Tra le 270 opere esposte percorriamo la formazione di Picasso che spazia dall’ Art nègre, dalla quale prende spunto per il disegno preparatorio e studio per la figura centrale de Le Demoiselles D’Avignon, 1906-1907 (tela conservata al MoMa di N.Y.), alla raccolta della Suite Vollard accurato studio delle figure mitologiche, dove in 100 fogli Picasso esprime l’angoscia della guerra, alle 16 lastre dei Toros e nei colorati ritratti di Jacqueline dove percepiamo il passaggio dalla raffigurazione realistica alla forma essenziale tipica dell’opera picassiana come Nature morte à la guitare, 1921 (Museo Pompidou di Parigi) e Cabeza de mujer con sombrero con borlas, 1962 (Museo Picasso di Barcellona). Inoltre troviamo ceramiche, disegni e litografie come quella che riporta le illustrazioni fatte da Picasso per Le Chant des Morts di Pierre Reverdy, 1948 (collezione privata) dove è vivo l’impegno politico contro la dittatura di Franco. Una mostra da visitare, da capire e da “portare a casa” cogliendo l’essenza della trasformazione e del rendere le emozioni con strumenti e mezzi diversi, tipici di Picasso.

PICASSO A PISA – VIDEO DI DIGITAL VIDEO CENTER PISA, INTERVISTA DI ANTONELLA BINDI PER MILANO ARTE EXPO AL SINDACO DI PISA:


PICASSO. Ho voluto essere pittore e sono diventato Picasso

Pisa, Palazzo Blu (Lungarno Gambacorti 9)

15 ottobre 2011 – 29 gennaio 2012

Enti Promotori

Fondazione Palazzo Blu

col sostegno di

Fondazione CariPisa

con il patrocinio del

Ambasciata di Spagna in Italia

Comune di Pisa

Produzione

Giunti Arte mostre musei

Via Bolognese 165

50139 Firenze

gamm@giunti.it

 

Catalogo

GAmm Giunti

Orari:              lunedì – venerdi, 10-19;

sabato e domenica, 10-20;

 

Biglietti:         Intero: 9 euro

Ridotto e Blu card: 7,50 euro

Convenzioni: 7 euro

 

Informazioni:

BLU Palazzo d’Arte e Cultura:

tel. 050.916950

PRENOTAZIONI GRUPPI

Impegno e Futuro Soc. Coop.

Numero verde gratuito 800144385

Oppure 050.891349/050.894088

info@impegnoefuturo.it

www.impegnoefuturo.it

Ufficio stampa

CLP Relazioni Pubbliche

tel. 02.433403 – fax 02.481384

press@clponline.it

Annunci

1 commento su “PICASSO A PISA con 270 opere esposte”

  1. sono Sandra da Verona.Sono stata oggi a Pisa a vedere la mostra di Picasso.Sono amante dell’arte e devo dire che di questo pittore non ho mai visto tante opere raccolte in un’unica esposizione.Veramente bella.Consiglio di andarci.

I commenti sono chiusi.