Artsinergy, Roma: Giulia Corradetti – Artificial Nature, a cura di Nazzareno Trevisani e Mirella Di Peco

Giulia Corradetti, “Artificial Nature 8”, tecnica mista su tela, cm 100x150, 2012 - courtesy Galleria Artsinergy

Artsinergy, galleria di Roma (click: MAPPA), espone fino al 6 aprile 2012 opere di Giulia Corradetti con la mostra Artificial Nature. Soggetti originali, organismi variopinti, una flora rigogliosa tra l’esotico ed il fantastico. Giulia Corradetti ha partecipato alla 54° Biennale di Venezia a cura di Vittorio Sgarbi, per la Regione Marche (Orto dell’Abbondanza, Urbino) e per il Padiglione Italia (Palazzo delle Esposizioni, Torino). L’artista combina un inedito vocabolario di forme che interagiscono rispettando le leggi di un ecosistema sul confine sempre più labile tra reale e virtuale, espressione pur sempre di un ordine cosmico. >>

L’esuberanza cromatica e compositiva evoca l’immaginario surrealista ma la messa in scena di una realtà parallela è tanto estranea ad implicazioni psicanalitiche quanto vicina alla meditazione buddista sulla sacralità di ogni essere vivente. Giulia Corradetti lavora fotografando dettagli di fiori e piante e li rielabora in digitale con un’attenzione al dettaglio caratteristica della pittura; è una scelta tecnica che le consente di esplorare la realtà con i medium distintivi dell’epoca attuale.

Nelle Artificial Bubble forme organiche di varia foggia sembrano galleggiare sospese in una bolla liquida: lievi increspature iridescenti ne esaltano la consistenza tattile. Le Artificial Plant presentano una gamma cromatica brillante in un crescendo di sfumature che culmina nel monocromo del vaso. Le lumache sono le sole esponenti della fauna a noi nota e con divertita complicità intraprendono il loro cammino tra forme e colori. Attraversiamo così una galassia di momenti ludici come nell’immaginario dei bambini, che con freschezza sentimentale colgono l’essenza delle cose e crescono nell’esperienza del gioco.

L’installazione Artificial Nature riporta le immagini bidimensionali del progetto ad una misura ambientale e costituisce una loro dilatazione linguistica, capace di riattivare gli spazi della galleria. L’installazione è composta di quattro cubi sovrapposti in forma di totem, struttura archetipica che simboleggia il legame dell’uomo con la natura e le divinità. Due cubi sono i generatori immaginari di una corrente-energia che alimenta due boccioli di semi affinché essi possano fiorire, altri due presentano monitor con texture di elementi naturali, dato il rischio che l’esperienza del mondo diventi solo virtuale.

Negli spazi della galleria Artsinergy siamo tridimensionalmente coinvolti nel progetto di un Artificial Nature, una natura da ammirare nella sua bellezza con rinnovato stupore, da esplorare con curiosità e da vivere nel rispetto della biodiversità.

Giulia Corradetti, “Artificial Bubble 6”, tecnica mista su tela, cm 40x40, 2012 - courtesy Galleria Artsinergy

Giulia Corradetti – http://www.giuliacorradetti.com/ – (1982, Ascoli Piceno – vive e lavora ad Ascoli Piceno) ottenuta la maturità artistica si diploma all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Nel 2009 realizza la mostra personale intitolata Funny Shapes alla galleria Arte Fuori Centro di Roma. Nel 2010 è stata selezionata per lo SlideLuck PotShow a cura di Casey Kelbaugh e della Fondazione Studio Marangoni alla Casa della Creatività di Firenze. Nel 2011 ha presentato per l’Expò Marche Centro d’Arte l’installazione Artificial Nature al Pala Riviera di San Benedetto del Tronto ed ha partecipato alla mostra Naturacultura, alla Galleria Marconi di Cupra Marittima.

Giulia Corradetti

Artificial Nature, a cura di Nazzareno Trevisani e Mirella Di Peco

Via dei Cartari 9 – Roma

Ingresso libero
La mostra prosegue fino al 06/04/2012
Lun – Ven (ore 15:00 – 19:00)

Info:
Ufficio Stampa a cura di Caterina Pellitta
press@artsinergy.com
www.artsinergy.com
06 68892340

Annunci