BRAVO – Maestri di Qualità IV edizione: 24 – 25 marzo 2012, Castello di Belgioioso, Pavia

Castello di Belgioioso, Pavia (click: MAPPA): riapre la stagione primaverile con “Bravo” Maestri di Qualità, una mostra dedicata all’arte e all’artigianato che si svolgerà nei giorni sabato 24 e domenica 25 marzo 2012. > c. stampa > Giunta alla quarta edizione Bravo 2012 propone la riscoperta della figura dell’artigiano tradizionale con le sue tecniche e i suoi metodi, garanti di ingegno e di alta qualità artistica. Una manifestazione dedicata alla creatività, all’esperienza e all’ innovazione,  dove sarà presentato il meglio della produzione dell’artigianato tradizionale e d’arte. Sarà possibile ammirare diversi artigiani all’opera con dimostrazioni in loco, pronti a rispondere alla curiosità del pubblico e novità di questa edizione saranno i laboratori aperti al pubblico a temi differenti, ai quali, in orari prestabiliti, sarà possibile partecipare attivamente per conoscere i primi rudimenti del mestiere. >>

 

Obiettivi della manifestazione: restituire attenzione alla figura di questi artigiani che hanno mantenuto le tecniche di una volta come espressioni di qualità lavorativa e trasmettere ai giovani la passione per questi mestieri ridando slancio ad un settore da anni in crisi, creando i presupposti per la ripresa e lo sviluppo dell’artigianato.

Ricerca, studio, tecnica, materiali, antichi metodi, esperienza ecco alcune delle caratteristiche che accomunano lo spirito di questi “maestri” che hanno saputo interpretare la propria passione con abilità e fantasia. Oggetti unici, fatti a mano, fuori dalla produzione industriale e dal rincorrersi delle tendenze, ma radicata nel circuito delle tradizioni e delle culture locali.

TINTURA A RISERVA – SHIBORI con Nanette Libiszewski: introduzione alla tintura a riserva, insegnamento di 2 – 3 tecniche ed esecuzione di una piccola sciarpa per chi ama trasformare il tessuto.

RACCONTI IN BREVE con Luciana Lavelli: attraverso una tecnica di pittura decorativa, che si concentra sull’utilizzo di cotoni biologici ad alto assorbimento e colori a calce, si ottengono tessuti che si raccontano come antichi affreschi.

ESERCIZI DI TORNITURA E MODELLAZIONE DELL’ARGILLA con Claudio e Matteo Ramaioli: dimostrazioni di lavorazione dell’argilla mediante l’uso del tornio da vasaio.

LAVORAZIONE DELL’ARGILLA REFRATTARIA con Ottavio Tucci: creazione di una ciotola d’argilla utilizzando l’antichissima tecnica Colombina.

MONILI D’ARTE con Daina Corti: creazione di piccoli ciondoli realizzati con pinze e filo di rame di varie forme (fiori, animali, o figure astratte).

CORSO DI TESSITURA con Lavinia Vicenzi: laboratorio per imparare a dare vita a un tessuto.

RICETTE DA INDOSSARE: laboratorio tecnico durante il quale Maminou darà qualche ricetta per creare un cappello, una spilla o una collana con materiale povero.

DOVE METTERO’ I MIEI SOGNI con Narciso Bresciani: un laboratorio con la terra per tutta la famiglia, un atelier d’arte per scoprire, creare, sperimentare conoscere. Un approccio con questa materia per risvegliare la propria fantasia. I partecipanti potranno creare preziosi manufatti che diventeranno contenitori o piccole sculture tridimensionali.

DITELO CON I FIORI con Marina: un laboratorio per creare colorati centrotavola, sushi di fiori e ghirlande.

FACCIAMO LA PASTA con Roberto Tadiello: con farina, acqua, uova e sale Roberto insegnerà a impastare la vostra pasta!

COME SI LAVORA LA CARTAPESTA con Carla Fontanesi:

a strati dentro stampi di scagliola, oppure su forme di uso comune come: vasi e ciotole;

in polpa, ottenuta da semplici pezzetti di giornale macerati e poi impastati con gesso e colla, sapientemente manipolata su supporti in fil di ferro per ottenere figure femminile o altro che la fantasia suggerisce e  poi la stuccatura, i colori, le cere.

CANDELE con Viviana Spiaggi: con un fusore e stampi in silicone i partecipanti  impareranno a creare candele, gessi profumati in varie forme, qualche candelabro in ferro battuto a freddo, rose in fimo e bracciali.

INTRECCIAMO LE ERBE PALUSTRI con Dino Davanzo:  laboratorio didattico sulle erbe palustri.

Intrecciare l’erba, legare la canna e fare la conoscenza di materiali e tecniche antichissime.

PRENDIMI, RIUSAMI E INDOSSAMI con Stefania Riboni: “recuperare” gli scarti tessili della confezione per ricreare nuovi prodotti indossabili, dando così valore anche a quel materiale che si pensava inutile. Realizzazione di spille, sciarpe, top.

TEXTURE E TRACCE con Maurizio De Rosa: laboratorio rivolto in particolare ai bambini della scuola d’infanzia e della primaria. Sollecitati a esprimersi in forma diretta attraverso l’utilizzo di argille pronte, i bambini comprenderanno, attraverso stimoli tattili e sensoriali che la materia duttile e mobile “risponde” a ogni intervento eseguito manualmente.

CAKE DESIGN con Angela Di Cosmo: decorazione di wedding cake, di centrotavola e segnaposto, con pasta di cioccolato e/o pasta di zucchero.

IL TUO PROFILO AD INTARSIO con Agostino Faravelli: è una decorazione che si realizza accostando pezzi di legno di colori diversi. Da una foto fatta al momento viene estratta con il computer una silhouette, poi si passa al taglio a traforo, poi all’incollaggio. Levigatura e verniciatura e l’intarsio è pronto.

Il programma dettagliato sarà inserito sul sito www.belgioioso.it/bravo con le modalità di prenotazione.

Altra nuova proposta di questa edizione sarà Il Maestro dei Ricevimenti.

Andrea Massone di Ambrosia Banqueting, con apparecchiature classiche e moderne,  preziose tovaglie di fiandra, lino e pizzo, porcellane e cristalli, farà rivivere il fascino e lo splendore del Salone degli Stucchi. Un’atmosfera unica e magica che il Castello riesce a offrire in occasione di ricevimenti di nozze o di qualsiasi altro evento.

Per mantenere lo spirito di attenzione al patrimonio culturale che caratterizzerà il fine settimana, saranno organizzate visite guidate in tutto il castello di proprietà pubblica e privata. Per l’occasione, nell’area settecentesca, alcuni saloni saranno lasciati liberi da strutture per dare la possibilità di ammirare i pregevoli stucchi e gli affreschi delle sale.

 

EVENTI COLLATERALI

La Bezuga

All’interno del Castello saranno esposte alcune importanti opere della collezione e del lavoro di Giuliano Allegri e della stamperia d’arte e casa editrice fiorentina “La Bezuga”.  Nata a Firenze nel 1975 la stamperia è diventata negli anni, grazie all’impegno di Giuliano Allegri, un autentico atelier, luogo d’incontro di artisti di fama nazionale e internazionale, critici d’arte e collezionisti.

L’artista fiorentino Dino Castelvecchi realizzerà con una performance l’esecuzione di un suo lavoro alla presenza del pubblico, il torcoliere della “Bezuga” Lorenzo Bencini darà dimostrazione sui procedimenti di stampa e come nasce un’opera d’arte grafica con il torchio.

Giuliano Allegri ha seguito sempre da vicino gli artisti, puntando tutto, sempre e comunque, sull’originalità, ha diffuso i lavori grafici di numerosi maestri, tra cui Renato Guttuso, Fabrizio Clerici, Sebastian Matta ed Aligi Sassu e la vicinanza ai maggiori artisti del ‘900  lo ha portato ad affinarsi sempre più ad una alta qualità di risultati tecnici rendendolo un maestro ricercato dai maggiori artisti internazionali. Oltre che stampatore Giuliano Allegri è  stato anche editore, i suoi libri mostrano una qualità grafica davvero originale. Sono dei libri stampati, che risentono del lavoro lento e faticoso dell’incidere nello stile grafico della “Bezuga”: l’impaginato è fatto per esaltare la specificità di una unica opera dell’artista.

 

Fox-Unting

Maurizio De Rosa propone un nuovo concetto di caccia intesa come opera, scoperta e trasformazione. L’autore fa una mappatura dei luoghi scelti per dare inizio alla caccia alle tracce, guidato dalla planimetria o dalle emozioni. Le tracce sono piccoli oggetti in ceramica di 4-5 cm: terracotta solo parzialmente smaltata, raffiguranti animali, di solito volpi ma anche cuori o fiori. I luoghi scelti per il percorso sono quelli in cui si trova l’autore muovendosi per occasioni di studio, ricerca o altri motivi particolari. Una volta disposti gli oggetti per città, edifici o piazze, il pubblico viene invitato a cercarli e spostarli nei propri luoghi. Il momento fondamentale per la costruzione dell’opera è l’interazione con il suo pubblico che la trasforma e in questo modo ne consolida l’esistenza, senza le azioni dei fruitori non sarebbe possibile la caccia al tesoro voluta da De Rosa.

La Documentazione ha un ruolo chiave in questa attività, grazie all’utilizzo di un Social Network è possibile inviare immagini e testi sulle nuove collocazioni dei piccoli oggetti in ceramica. In questo modo l’opera non è un istallazione finita ma un processo di “caccia” continua.

 

Castello di Belgioioso

Via Garibaldi, 1, 27011 Belgioioso, Pavia

 

Orario: L’orario di apertura sarà continuato dalle ore 10,00 alle ore 20,00.

Ingresso: Biglietto intero: 7,00 €  – Biglietto ridotto: 6,00 €

Bus Navetta: Domenica 25 marzo servizio bus navetta gratuito a/r dal piazzale di fronte alla stazione di Pavia al  castello.

Segreteria Organizzativa: Ente Fiere dei Castelli di Belgioioso e Sartirana – Gloria Spaini – Michele Bolzoni –  tel. 0382/970525 – 969250 fax 0382/970139 – gloria.spaini@belgioioso.itinfo@belgioioso.it

Ufficio Stampa
Spaini & Partners
050/310920 – 36042 www.spaini.it
Guido Spaini guido.spaini@spaini.it
Matilde Meucci matilde.meucci@spaini.it
Rachele Giannessi ufficiostampa@spaini.it